Weather



Spoleto 57 Festival dei due mondi

La MaMa Spoleto Open 2014

WEATHER, un oratorio drammatico

Bisse & La MaMa Umbria International

martedì 1 luglio 2014 – ore 21_Teatro Romano, Spoleto (PG)

 

Una composizione vocale e strumentale appositamente creata da Elizabeth Swados per il Festival dei Due Mondi. Un puzzle di storie, descrizioni scientifiche, citazioni di telegiornali, racconti mitologici o di fantasia che parlano di tempeste, distruzioni, rinascita e bellezza. ‘Weather, un oratorio drammatico’, è tutto questo. Un viaggio onirico tra mito e realtà, una metafora della vita che, raccontando le conseguenze del riscaldamento globale, offre, al tempo stesso, uno spaccato della nostra società: la siccità di chi non si spende per il prossimo; le tempeste di emozioni che ci scuotono ogni giorno; le paure che ci impediscono di osare; la frenesia e la nebbia che spesso ci fanno perdere di vista le cose importanti; l’amore che sale e scende, imitando il moto delle maree. Ma anche il vento che ci fa volare, la fine di un temporale e la speranza nel futuro che ci dà l’arcobaleno nell’istante che compare e che, in quella piccola frazione di tempo, ci riporta ad essere bambini.’Weather’ è a tratti divertente, a tratti spaventoso o tragico, come può essere un anno della nostra vita. E’ uno spettacolo frutto della collaborazione tra La MaMa International e l’associazione culturale Bisse. Un connubio che, oltre alla Swados, compositrice, scrittrice e regista riconosciuta internazionalmente, il 1 luglio vedrà sul palco del Teatro Romano (ore 21.00), il coro dell’associazione spoletina. Accanto ad artisti provenienti da varie parti del mondo – Cary Gant (vocal), Heather Paauwe (violino), Yukio Tsuji (shakuhachi / percussioni), Francesco Savoretti (percussioni), Gionni Di Clemente (chitarre / bouzouki / oud) – in questo concerto c’è, infatti, tanta Spoleto. Ma anche negli arrangiamenti e nella direzione musicale di Claudio Scarabottini, nei testi ideati e scritti da Filippo Consales e tradotti da Andrea Sensidoni. Un motivo d’orgoglio per l’associazione della Città dei Duchi che ha il raro privilegio di debuttare in una rassegna dal respiro internazionale come il Festival. L’appuntamento con ‘Weather’ è al Teatro Romano, per una riscoperta e una presa di coscienza di quanto sia prezioso il nostro tempo.

 A vocal and instrumental composition created by Elizabeth Swados just for the Festival of the Two Worlds. A mix of stories, scientific descriptions, quotes from news broadcasts, mythological or fantasy stories about storms, destruction, rebirth and beauty. ‘Weather, a dramatic oratorio ‘ is all of this. It’s a dreamlike journey between myth and reality, a metaphor of life that, talking about the consequences of global warming, shows at the same time a cross-section of our society. The drought of people who don’t make any effort to help the others, emotional storms that shake us every day, fears that don’t let us dare, frenzy and fog that often make us lose sight of important things, love that rises and falls like the motion of tides. But there is also wind that let us fly, the end of a thunderstorm and hope in the future provided by the rainbow, whose appearance immediately brings us back to childhood. ‘ Weather ‘ is sometimes funny, sometimes scary or tragic, just as it could be a year of our lives. It is a collaborative effort between La MaMa International and the Associazione Culturale Bisse. On July 1st at 09:00 PM on the stage of Teatro Romano the union between Elizabeth Swados, an internationally recognized composer, writer and director and the choir of this group from Spoleto will take place. There will be artists from several parts of the world – Cary Gant (vocal), Heather Paauwe (violin), Yukio Tsuji (shakuhachi/percussion), Francesco Savoretti (percussioni), Gionni Di Clemente (guitar/bouzouki/oud) but in this concert there is also a lot of Spoleto: from Michela Musco (vocal) to Mauro Presazzi (drums) and Paolo Rosichetti (bass). Spoleto is also present in arrangements and musical direction by Claudio Scarabottini, in lyrics that were conceived and written by Filippo Consales and translated by Andrea Sensidoni. A reason of pride for the association of the City of the Dukes, who has the rare privilege of debuting in an international event as the Festival is. The appointment with ‘Weather ‘ is at Teatro Romano, to rediscover and become aware of how precious our time is.

VIDEO INTERVISTA A ELIZABETH SWADOS E CLAUDIO SCARABOTTINI

 

Scarica  il volantino dello spettacolo: http://www.bisse.it/wp-content/uploads/2014/06/Bisse_Weather_Flyer.pdf

FOTO DELLO SPETTACOLO

© Copyright Associazione Culturale Giovanile BISSE - Theme by Pexeto