Lu Lozzu



Introduzione

Commedia musicale in tre atti scritta da Gianfrancesco Marignoli.
 La realizzazione di questo spettacolo inedito avviene grazie alla collaborazione fra l’Associazione Culturale Giovanile “Bisse” e la Compagnia Teatrale “La Maschera”, due realtà del teatro dilettantisco umbro, legate dal comune intento di rappresentare uno spaccato della Spoleto antica.
“Lu Lozzu”,  infatti, è ambientata intorno alla fine del XVIII ed i primi anni del XIX secolo nella Piazza del Mercato della città dei Duchi, quando questa, essendo sede vescovile e di un governatore pontificio, viveva sotto il rigido comando della Roma conservatrice, ma al tempo stesso, quando il popolo iniziava a confidare nel cambiamento che accompagnava la discesa, lungo la penisola italiana, delle truppe Napoleoniche. La vita di Piazza, la fatica dei contadini nell’allestire ogni mattina il mercato, le aspettative di tanta gente che confida nel cambiamento e di altra che, invece, cambiamenti non ne vuole, è disturbata dalle burle di un certo Giuseppe Emiliano Maurizi, giovane calzolaio e allevatore di civette meglio conosciuto come “Lu Lozzu”.
Le prodezze di questo dispettoso personaggio, tramandate negli anni fino a diventare parte della memoria cittadina, s’intrecciano al mutamento degli assetti politici che l’arrivo dell’esercito transalpino comporta.
I sostenitori dello Stato della Chiesa, infatti, sono costretti a scappare, mentre chi per lungo tempo è vissuto nascosto perché oppositore del potere temporale del Papa, torna allo scoperto inneggiando ai principi di libertà, uguaglianza e di fraternità che, in quegli anni, la Rivoluzione Francese aveva scelto come proprio motto. Le truppe straniere sono salutate da molti come portatrici di rinnovamento, ma Lu Lozzu, seppur nella sua gio-vinezza e semplicità, sa che qualsiasi cambiamento politico non coinvolge più di tanto la semplice gente.
Sul palcoscenico si avvicenderanno oltre trenta personaggi diversi fra contadini, popolani, aristocratici e soldati.
Il susseguirsi degli eventi è accompagnato da musiche appositamente scritte per la commedia ed eseguite dal vivo da un’orchestra di 20 elementi.
Costumi, scenografie, musiche legate al testo teatrale di Marignoli: uno spettacolo fatto interamente da spoletini che vedrà Spoleto come protagonista.

 

Dalle parole dell’autore Gianfrancesco Marignoli:

Qualche anno fa l’amico Consalvo Sansi, che assisteva con me ad una commedia musicale del “Sipario”, mi disse: “Sarebbe bello scrivere una commedia dedicata a Lu Lozzu”.
Chi era Lu Lozzu?
Era un tal Giuseppe Emiliano Maurizi (calzolaio ed allevatore di civette) vissuto a Spoleto tra il 1700 ed il 1800.
Le prodezze di questo personaggio dispettoso e burlone mi erano state raccontate, quando ero ragazzo, da mio padre ed erano a conoscenza di molti spoletini. Più tardi le ritrovai scritte da Tommaso Fratellini in un libricino mal ridotto presso la biblioteca comunale di Spoleto. Libricino che fu riprodotto con veste più elegante, qualche anno fa, in una moderna edizione curata da Lamberto Gentili per la Nuova Eliografica Editrice.
Quando negli anni ’90 ebbi occasione di leggere il libro “Spoleto nell’età rivoluzionaria e Napoleonica” di Ubaldo Santi ed Elio Fortunati, edito a cura dell’Unitre, i cui fatti si svolgevano tra la fine del ‘700 ed i primi anni dell’800, mi convinsi che era interessante riportare sul palcoscenico uno spaccato storico della Spoleto di quell’epoca. Prendendo come base i dati forniti da quel volume, inserii nella sceneggiatura alcune burle de Lu Lozzu, allora giovane, che iniziava a movimentare Piazza del Mercato con i suoi scherzi.

 

Manifesto

 

Interpreti dello spettacolo

Lu Lozzu: Filippo Consales

Checco: Stefano Santoni
Pulisena: Antonietta De Santis
Giovanni: Fausto Di Cicco Pucci
Margherita: Katia Bonifazi
Silvia: Tania Nonni
Adolfo: Andrea Sensidoni
Daziere: Gianluca De Angelis
Ervira: Katia Galli
Lionora: Simona Gelmetti
Maria Rosa: Nicoletta Di Cicco Pucci
Monsignore: Piero Teso
Peppe: Mario Cozzari
Padrone della bottega del caffè: Fausto Manasse
Messo: Luca Sensini
Ufficiale francese: Massimo Campana
Mattia: Davide Alimenti
Farmacista: Andrea Paoletti
Sofia: Gaia Ferretti
Flavia: Marta Neri
Narratori: Simona Gelmetti, Matteo Brocanello, Andrea Gigliarelli
Contadine: Eleonora Grappasonni, Gaia Murasecco
, Francesca Filipponi, Barbara Sciaboletta, Francesca Silvi, Valeria Silvi
Contadini: Jacopo Balzamo, Matteo Brocanello, Andrea Filipponi
, Armando Giovannini, Riccardo Monti, Emanuele Nonni, Marco Roscini
Militari francesi & ballerini/e: Niccolò Barbieri, Nicolò Cardini
, Samuele Coletti, Diego Gini, Manuel Montori, Luca Vantaggi
, Daniela Guerrini
Comparse: Andrea Duranti, Alessandra Neri
, M. Cristina Lancia, Gianluigi Alimenti

Regia: Stefano Santoni
Recitazione: Fausto Di Cicco Pucci
Regia coreografata: Tania Nonni
Musiche originali: Gianfrancesco Marignoli, Claudio Scarabottini
Ricerca storica costumi: Barbara Sciaboletta, Simona Gelmetti
Bozzetti: Davide Travagli
Bozzetto Piazza del Mercato: Gianfrancesco Marignoli
Colorazione bozzetto Lozzu: Emanuele Nonni
Costumi: Irene e le “donne del Martedì”
Direttore di scena: Francesco Segoni

Orchestra
Flauto traverso: Daniela Leonardi
Oboe: Sara Righi
Clarinetto: Lorena Cecchini
Fagotti: Alessio Costanzi, Gianluca Santilli
Percussioni: Mauro Presazzi, Alessia Martinelli
Chitarra: Chiara Mancuso
Basso acustico: Lorenzo Fiori
Fisarmonica: Moreno Patarini
Trombe: Luca Lanfaloni, Gianpiero Nasoni
Tromboni: Marco Mengani, Roberto Reggiani
Violini: Francesco Enrico, Edoardo Enrico, Jonathan Scoppetta, Vittorio Magrini, Monica Pontini, Elisabetta Tetti, Cristina Polletta
Viola: Elonora Bisaccioni
Violoncelli: Annachiara Enrico, Pietro Enrico
Tastiere: Roberto Mattioli

Coro
Soprani: Mariella Cesaretti, Nicoletta Di Cicco Pucci, Rosalba Eleuteri, Maela Fedeli, Gaia Ferretti, M. Cristina Lancia, Loredana Leccamuffi, Gaia Murasecco, Alessandra Neri, Barbara Sciaboletta.
Contralti: Simona Carciofi, Pina Cretoni, Miriam Deciano, Francesca Filipponi, Eleonora Grappasonni, Laura Lattanzi, Rita Menichelli, Marta Neri, Tania Nonni, Francesca Silvi, Valeria Silvi.
Tenori: Andrea Alimenti, Gianluigi Alimenti, Jacopo Balzamo, Matteo Brocanello, Massimo Campana, Andrea Duranti, Andrea Filipponi, Armando Giovannini, Riccardo Monti, Marco Roscini, Andrea Sensidoni.
Bassi: Filippo Consales, Andrea Gigliarelli, Emanuele Nonni, Dino Ruggieri, Stefano Santoni, Sauro Sbicca, Luca Zicavo.

Direttore : Claudio Scarabottini

 

Progetto grafico 300dpi STUDIO
Fotografie EmanueleNonni.com
Stampa Nuova Eliografica Fiori
Edizioni Musicali ARS Spoletium

 

 

FOTO delle prove generali dello spettacolo

21 e 22 Aprile 2007 al Teatro san Nicolo

 

FOTO dello spettacolo

replica del 18 Maggio 2008, Teatro nuovo di Spoleto

© Copyright Associazione Culturale Giovanile BISSE - Theme by Pexeto