Per la Stessa Ragione del Viaggio



Introduzione

Una metafora sul potere, che racconta attraverso la storia di Cristo la lotta per <…l’abolizione delle classi sociali, dell’autoritarismo, in nome di un egalitarismo e di una fratellanza universali>. Questa è “La Buona Novella” di Fabrizio De André; la quale ci consegna, prima ancora che il Santo, la cui divinità non è bastata a salvare dalla croce, un uomo che il perdono ha reso immortale; un perdono cosmico e cosciente, che supera ogni forma di
autorità perché senza giudizio, poiché non sta all’uomo giudicare un altro uomo!
Il confine qui, tra il pensiero cristiano e quello di Fabrizio, è estremamente labile. Egli, da anarchico convinto, rifiutava ogni autorità, tanto più se assolutistica, tuttavia non era ateo: la sua religiosità consisteva nel <sentirsi parte di un tutto> largamente presenziato da <gli umili e gli straccioni> rifiutati dal potere che, per svincolare dal disagio dell’isolamento, elegge a compagni di viaggio donando loro <una libertà assoluta, incomprensibile ed estranea alle nostre spiegazioni, qualcosa che […] viene spontaneo chiamare Dio!>.
Nel ricordarlo il nostro tentativo vuole essere quello di riconsegnare questa immagine di lui, a noi cara e vicina per intenti e ideali, tornando a fare visita ai lavoratori dei campi che mietono grano su cadenze spiritual o a Fernandiño, prinçesa di Bahia, imprigionato nel proprio corpo in cerca di amore profano e sacro; e denunciando la pedanteria ipocrita con un canto corale, scegliendo l’esempio del “Cristo” pescatore come emblema di quell’ideale che ha mosso ogni sua ispirazione.

Inizia un errare randagio
in direzione ostinata e contraria,
un’Odissea senza Itaca al fine
con il solo scopo del viaggio.

Manifesto

Brani del Concerto

La Buona Novella (Fabrizio De Andre’)

Laudate Dominum (Coro)

L’infanzia di Maria (Piero Perilli – Coro)

Il ritorno di Giuseppe (Piero Perilli)

Il sogno di Maria (Daniela Pupella – Piero Perilli)

Ave Maria (Piero Perilli – Coro)

Si Chiamava Gesu’ (Piero Perilli)

Maria Nella Bottega di un Falegname (Nicoletta Di Cicco Pucci – Piero Perilli – Coro)

Via della Croce (Riccardo Monti – Piero Perilli – Coro)

Tre Madri (Nicoletta Di Cicco Pucci – Gaia Ferretti – Gaia Murasecco)

Il Testamento di Tito (Filippo Consales – Nicoletta Di Cicco Pucci)

Laudate Hominem (Coro)

 

Accordi Randagi (Fabrizio De Andre’)

Spiritual (Massimo Campana – Stella Visciola – Coro)

Khorakhane’ (Piero Perilli – Daniela Pupella – Coro)

Princesa (Fabio Scarabottini – Coro)

Corale Recitativo (Piero Perilli – Coro)

Il Pescatore (Massimo Loreti – Andrea Sensidoni – Coro)

 

Interpreti dei brani:

coro
SOPRANI: Nicoletta Di Cicco Pucci, Gaia Ferretti, Vanessa Mazzoli, Gaia Murasecco, Alessandra Neri,
Daniela Pupella, Giulia Titta, Stella Visciola.
CONTRALTI: Angelica Ferretti, Francesca Filipponi, Giada Gregori, Gloria Gregori, Daniela Guerrini, Laura Nardi, Marta Neri, Tania Nonni, Laura Pettograsso, Serena Ruggeri, Barbara Sciaboletta,
Francesca Silvi, Valeria Silvi, Elena Stocchi.
TENORI: Matteo Brocanello, Massimo Campana, Vincenzo Cocca, Filippo Consales, Andrea Duranti,
Andrea Filipponi, Massimo Loreti, Riccardo Malloggi, Riccardo Monti, Fabio Scarabottini, Andrea Sensidoni.
BASSI: Michele Capitani, Emanuele Nonni, Stefano Santoni.

orchestra

chitarre
Fabrizio Felici
Francesco Mattioli

tastiere
Massimo Campana
Roberto Mattioli

fisarmonica
Stefano Santoni

flauto
Daniela Leonardi

violini
Edoardo Enrico
Alessandro Pascucci

violoncello
Annachiara Enrico

basso
Andrea Meriggioli

mandolino
Claudio Scarabottini

batteria e percussioni
Mauro Presazzi

arrangiamenti e direzione musicale
Claudio Scarabottini

 

Foto del Concerto

Agosto 2004, Tempio Pausania

 

13 Maggio 2005, Caio Melisso Spoleto

 

registrazione del CD audio

© Copyright Associazione Culturale Giovanile BISSE - Theme by Pexeto